Equitalia dice no al pignoramento del Fisco sui conti correnti di dipendenti e pensionati.

No pignoramento conto corrente

Nei giorni scorsi, il decreto Salva Italia che prevedeva il pignoramento dei conti correnti, ha fatto sollevare diverse associazioni di consumatori.

Giù le mani dal conto corrente e soprattutto da stipendi e pensioni

è stato il monito corale.

Equitalia ha perciò stabilito che il Fisco non può toccare i conti correnti di lavoratori dipendenti e pensionati che hanno un reddito mensile inferiore ai 5.000 euro.

Prima di bloccare il conto corrente, l’Agenzia delle Entrate deve effettuare il pignoramento presso il datore di lavoro o l’ente previdenziale. E farlo secondo questi criteri: 1/10 dello stipendio sotto i 2.500 euro mensili, 1/7 tra 2.500 e 5.000, 1/5 sopra i 5.000 euro.

Quindi, pensionati e lavoratori dipendenti sotto i 5.000 euro possono stare tranquilli.

Attilio Befera, direttore dell’Agenzia delle Entrate, ha anche annunciato di voler agevolare i contribuenti onesti con controlli fiscali più semplici e un redditometro che vada a colpire effettivamente gli evasori.

Post a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*