Nuovo ISEE: ecco le novità del Riccometro.

Riccometro

L’ISEE, più comunemente chiamato Riccometro, è stato appositamente riscritto per evitare ai furbetti di non dichiarare il dovuto.

Prima si poteva dire di non avere un conto in banca, adesso non sarà più così: il nuovo ISEE è pronto, manca solo il via libera delle commissioni parlamentari.

Così modificato, darà molte più certezze.

Non si calcolerà più solo in base al 730, ma si guarderà anche agli assegni familiari, agli immobili all’estero, ai titoli in banca, al numero dei figli, alla disabilità.

Si facevano sparire i soldi dal conto corrente al 31/12 per poi rimetterli nel nuovo anno e risultare così nullatenenti? I controlli adesso saranno incrociati e potranno avvenire in qualsiasi momento.

La graduatoria per entrare al nido non verrà più solo calcolata sul reddito della madre, anche se il bimbo è a suo carico. Nel Riccometro comparirà anche il padre, che potrebbe essere un dirigente d’azienda, il cui piccolo a volte “scavalca” chi è in cassa integrazione.

Insomma: basta ingiustizie.

Un’altra novità importante, soprattutto in questo periodo, sarà la possibilità di aggiornare l’ISEE in ogni momento. Una volta la sua validità era annuale, adesso chi perde il lavoro e non è più “ricco”, potrà comunicarlo e aggiornare la sua situazione economica in tempo reale.

Post a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*