Nasce la banca dati che misura l’innovazione: OpenData SmartGov.

Schermata 02-2456715 alle 13.08.53Il sistema economico nazionale, com’è facile immaginare, non è cosa facilmente misurabile.

Nondimeno, i dati relativi sono oggetto di attività di studio da parte degli osservatori e degli analisti.

La novità è che il Ministero dello Sviluppo Economico ha deciso di “aprire” queste informazioni a tutti, attraverso l’implementazione di un sistema Open, chiamato appunto OpenData SmartGov.

Si tratta della possibilità di accedere  a diverse tipologie di dati:

  • dati sullo sviluppo della qualità della vita, dell’energia, mobilità, istruzione (dati smart growth)
  • dati relativi all’occupazione della popolazione, agli investimenti in ricerca e sviluppo e alla diminuzione delle emissioni (indicatori guida)
  • dati sull’utilizzo dei trasporti pubblici e sui parcheggi, sulle aree verdi nelle città, sui servizi ospedalieri, sulla microcriminalità e sulla qualità dell’aria (dati smart cities)
  • indicatori sui brevetti, sulla spesa destinata alla ricerca, sulla diffusione del web, dei computer e altri device (dati smart innovation)
  • Informazioni sulla certificazione ambientale delle città e sulla diffusione dei servizi; potenziale turistico; sviluppo servizi sociali (dati smart living)
  • dati sullo sviluppo sostenibile, con collegamenti alle raccolte dei rifiuti, fonti rinnovabili, energia, balneabilità delle coste (smart environment)
  • informazioni sui trasporti delle persone e delle merci, con parametri su rete ferroviaria, stradale nonché vie marine e aeree (dati smart mobility)
  • dati sulla scolarizzazione e sull’abbandono della scuola; sul livello di partecipazione alla vita pubblica e politica (dati smart people)
  • dati su rapporti commerciali intenazionali e sull’export; sull’attrattività per capitali e aziende estere; sugli investimenti regionali all’estero (smart trade)
  • dati sulle specificità economiche delle regioni, con informazioni sull’occupazione, la produzione, l’import-export (smart sectors)

Questa notevole mole di informazioni è liberamente accessibile e scaricabile dall’apposita pagina web del Mise.

Buona consultazione!

Post a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*